i tramonti d'estate


vorrei amore parlarti
del canto delle rane
d'estate,
dei guizzi nel sole
di lucertole,
del ravvivarsi dei verdi
alla brezza del lago,
delle ginestre nell'alba,
dirti del calare delle ombre
nei tramonti d'agosto
agli angoli di piccole case,
di odori di pomodori
rossi,
di pace.



i mezzogiorni


la mattina splende
nella doccia di luce
di campane
che pare che cantano.
Frustoli di voli d'uccelli
dissacrano l'immobile
vestigia di ombre.
Il fresco trascorre il freddo
tra i rami d'ulivi.
Trasgrediscono i cri cri dei grilli
che frusciano in balzi
improvvisi.
Ti auguro amore di mattina
che quiete accende.




le albe


gli amori remano nei canneti di lago,
si perdono nei dedali di luce
e nei suoni di onde.
Conservano colori di albe e arrossano
nidi al tramonto.
I sogni si stringono di notte
complici mai soli.




purchè l'amore ci colpisca


sento grida e rifiutano memorie
il tempo che è stato e che è .
Le membra calcano il suolo
e i sentimenti si arrovellano
solo che amore ci colpisca.




   

To Continue
Back to Previous Page
Home Page